News

ARTEFATTO SEETHESEA on the WALL!


Dopo sei giorni di intenso lavoro tra acquazzoni e sole cocente è nato, sul muro perimetrale dello Stadio Grezar in Via Flavia, il murale SEEtheSEA ad opera dei4 giovani artisti,TEA JURIšIć, RACHITICO_Simone Carraro, KIKI SKIPI_Chiara Pulselli, NOEYES_Giulia Salomone, vincitori della 12.a edizione del bando internazionale ARTEFATTO. Un'edizione senza precedenti per il Comune di Trieste che ha sperimentato e investito in una residenza per artisti di due settimane, la prima di studio e conoscenza del territorio e la seconda dedicata alla realizzazione dell'opera, oltre a un premio di 1000 euro.

I 20 metri di muro sulla via Flavia sono la “tela” su cui si sviluppa il tema assegnato dal concorso, ovvero, SEEtheSEA che gioca sull'omofonìa tra i termini “see” e “sea” a cui fa eco il toponimo MIRA MAR, uno dei simboli della nostra città. Il progetto ha invitato i giovani artisti ad indagare il rapporto profondo della nostra città con uno degli elementi che la contraddistinguono e che l'hanno profondamente connotata: il mare.

Ma quella “raccontata” dai 4 artisti under 30 è una Trieste inedita, onirica e immaginifica allo stesso tempo, dove domina il giallo del sole e il blu delle onde; dove una donna-sirena ha un “mare” di capelli in cui si tuffano originali bagnanti e dove, ancora, la bora soffia furiosa scompigliando il volo di strani uccelli. Un originale lavoro a 8 mani guidato dal direttore del progetto Mattia Campo Dall'Orto, basato sull'intergrazione e il dialogo tra gli stili di ognuno degli artisti. Un'opera in "combo" che continua la riqualificazione di questo questo rione.

Il progetto CHROMOPOLIS ha invitato altri due artisti: il triestino NICHOLAS PERRA [menzionato dalla Commissione di Artefatto] e BOXIR SANS AVOIR. Per loro due sezioni del muro di Via Valmaura: altri stili, altri colori, altre visioni.

Uno degli aspetti più importanti del progetto CHROMOPOLIS è la metodologia adottata. I lavori, infatti, sono frutto di una precedente ricognizione sul territorio effettuata dagli artisti che consente loro di elaborare i bozzetti e sono supportati da un lavoro di indagine e sensibilizzazione condotti attraverso interviste ai residenti realizzate da un gruppo di studenti del Liceo Scientifico Galilei coordinati dal collettivo di giovani architetti e urbanisti SuperAbile.
Potete visionare il questionario e l'esito delle ultime interviste cliccando
QUI

Gallery associata:

gruppo see

Informativa privacy

	
chiudi